Articoli

Cure estetiche per i malati oncologici: contributo dalla Regione

Gazzetta di Mantova  16 Maggio 2015

Cure estetiche per i malati oncologici: contributo dalla Regione

Iom, le pazienti trattate con chemioterapia riceveranno 150 euro per l’acquisto della parrucca. Il laboratorio attivato dall’associazione ha raddoppiato l’utenza nel 2014

l Laboratorio estetico di IOM Onlus (Istituto Oncologico Mantovano) ottiene un riconoscimento ufficiale da Regione Lombardia, che permetterà di ottenere un contributo per le cure estetiche alle pazienti oncologiche. Con Decreto del Direttore Generale DG Famiglia, Solidarietà sociale, Volontariato e Pari Opportunità (27 marzo 2015) è stato infatti approvato l’Elenco degli Enti del Terzo settore che operano nell’ambito della promozione e dello sviluppo sul territorio con azioni per migliorare la qualità della vita delle persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica e delle loro famiglie.

In questo elenco è stato iscritto anche l’Istituto Oncologico Mantovano, con riferimento al Laboratorio Estetico, attivato nel giugno 2012 nella sede dell’associazione. Il riconoscimento si tradurrà nell’erogazione di un contributo di 150 euro alle donne assistite con problemi di alopecia per l’acquisto della parrucca. "La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo" è il nome del progetto ideato da IOM onlus in collaborazione con l'Azienda Ospedaliera, uno spazio attrezzato con un vasto campionario di parrucche, copricapo, cappelli, trucchi. L’attività è stata affidata a estetiste (Raffaella Gazzoni Daniela Bottoni) e parrucchiere volontarie in possesso di titoli di alta qualificazione ottenuti frequentando il corso di ‘Beauty Recovery Specialist’ nel Campus Biomedico di Roma e il corso per ‘Tecnico Estetista (Università di Ferrara – Dipartimento di Scienze Farmaceutiche e di Cosmetologia).  Il servizio è  coordinato dalla psicologa Paola Aleotti.

Negli anni 2012, 2013 l'attività consisteva nel consigliare parrucche, copricapi,  make up. Nella fase iniziale il servizio ha trovato qualche difficoltà ad essere utilizzato. Nonostante la promozione ad opera di volontari e personale sanitario, una sorta di ‘pudore’ o ‘timidezza’ sembrava trattenere le pazienti.

In questa prima fase di apertura 40 persone si sono rivolte al servizio, non sempre conosciuto fra i cittadini. Per tutte queste ragioni nel 2013 è stato organizzato un incontro con il personale dell'Oncologia e delle Cure Palliative per mettere a punto metodologie e strategie condivise. Con il personale dell'Oncologia (infermieri, OSS, medici, psicologa) è stato concordato un accesso fisso settimanale delle estetiste in day hospital nonché consulenze settimanali individuali in Laboratorio.

Cure pallative a domicilio per i malati non oncologici

L’assistenza estesa ai pazienti con Patologie cronico-degenerative

 

Nel mese di aprile la struttura delle Cure Palliative diretta da Luciano Orsi si attiverà anche con l’assistenza domiciliare ai malati affetti da patologie cronico-degenerative in fase avanzata e terminale di malattia. Quella del Poma un’iniziativa importava che porta i medici a casa del paziente. Non sarà un’assistenza solo specificata¬mente medica, ma anche psicologica e di vicinanza alla fa-miglia. «In questa fase della malattia - spiega Orsi - i farmaci sono necessari per la cura, ma è necessario anche un supporto morale. Questo tipo di estensione del servizio permetterà dunque di migliorare la qualità di vita dei malati e delle loro famiglie. Come interagiamo? Un primo approccio avviene attraverso il medico di famiglia che conosce il paziente e l’intera famiglia». Un estensione che permette al Poma di qualificarsi grazie ad un servizio aggiuntivo: «La nostra è una sfida - ha spiegato brevemente Stucchi - e contiamo di portare a casa la partita». Il servizio partirà ad aprile e al momento verranno seguiti due pazienti e si stima che sul territorio mantovano le assistenze domiciliari saliranno tra i 40/60: «Noi operiamo su tutto il territorio mantovano- spiega Barbara Speziali-e abbiamo altri due punti di supporto, uno a Castel Goffredo e l’altro a Pieve di Coriano. Alla mattina parte il giro di telefonate e ci mettiamo subito in viaggio per fare assistenza. Al momento siamo in 5 medici e 10 infermieri». Sempre nel corso della mattinata di ieri, in tema con il servizio d’assistenza, so-no state presentate le iniziative culturali del 2015. Quest’anno il tema principale sarà quello della perdita. In programma anche una rassegna cinematografica “Staccando l’ombra da terra” in collaborazione con il Cinema del Carbone. La rassegna propone “Giorni e nuvole” il 29 aprile, “Still Alice” il 13 maggio, “tra cinque minuti in scena” l’8 giugno. Il 29 maggio si celebrerà come di consueto la Giornata del ricordo in collaborazione con il Conservatorio Campiani e il Liceo Belfiore. Questi gli eventi principali, con i quali, la struttura ospedaliera intende promuove la cultura della cure palliative. (tom)

Benvenuti alla Spa Carlo Poma: piste di jogging, cibi dietetici e corsi anti-fumo

MANTOVA. Più magri, più atletici e soprattutto liberi da fumo e alcol. Il Carlo Poma si prende cura di chi cura, cioè dei suoi dipendenti. Come? Anche promuovendo l’attività fisica, l’alimentazione corretta e convincendo il personale a liberasi di ogni sorta di dipendenza come fumo e alcol.

Il percorso è tracciato, nel vero senso del termine, visto che tra i padiglioni del Carlo Poma sta nascendo una pista di jogging segnalata con tanto di cartellonistica dove sarà possibile fare sport nelle pause di lavoro restando all’interno del complesso ospedaliero. Ed è proprio dall’intensificazione dell’attività fisica e sportiva in generale che parte il progetto Whp (Workplace Health, Promotion – Aziende che promuovono la salute) voluto da Regione Lombardia finalizzato a diffondere un corretto stile di vita tra i dipendenti degli ospedali.

Per il momento si parte con le iniziative per i dipendenti del presidio di Mantova anche se la promessa è quella di estendere il progetto anche gli altri ospedali. I progetto è stato presentato ieri mattina al Poma insieme a Iom (Istituto Oncologico Mantovano), associazione Nordic Walking e Cao Mantova.

 

 

TUTTE LE INIZIATIVE

Dal camice alla tuta. Per quanto riguarda l’attività fisica sarà possibile fare sport anche restando in ospedale, seguendo il percorso jogging che si snoda tra i padiglioni, segnalato da apposita cartellonistica. Il gruppo di cammino promosso dalla struttura di Diabetologia in collaborazione con Agad (Associazione Giovani Diabetici) offrirà la possibilità di svolgere un'attività motoria strutturata e regolare in compagnia. Attivo anche il Nordic Walking sperimentale per un gruppo di venti dipendenti. I dipendenti con problematiche croniche di natura osteoarticolare saranno indirizzati all'attività fisica adattata con programmi di riabilitazione e mantenimento personalizzati. Grazie alla tessera Cao (Circolo Aziendale Ospedalieri) anche acquisti a prezzi scontati in negozi di articoli sportivi, palestre e piscine e nella sezione intranet dedicata al Whp saranno segnalate le migliori app per scaricare i contapassi sul proprio smartphone.

Più magri più sani. Ecco le inizitive legate ad una sana alimentazione. Ai distributori automatici si potrà scegliere frutta e yogurt, alimenti ipocalorici e con pochi grassi, facendosi guidare dai poster con indicazioni sull'alimentazione corretta affissi nelle aree ristoro. E' previsto un corso online per capire quali sono le corrette porzioni da assumere. Il personale addetto alla ristorazione riceverà una formazione ad hoc. Una campagna informativa in mensa orienterà i dipendenti verso una dieta equilibrata, con locandine illustrative e messaggi promozionali riportati sulle tovagliette. Piatti e adesivi con colori diversi a seconda del cibo aiuteranno inoltre a scegliere il menu adatto. I professionisti della Medicina del Lavoro saranno a disposizione all'ingresso della mensa nella giornata dedicata all'alimentazione corretta. Le operatrici in gravidanza saranno facilitate nell'allattamento al seno grazie ad opuscoli informativi e baby pit stop che verranno realizzati in ospedale.

Stop a fumo e alcol. Un regolamento specifico disciplinerà il consumo di alcolici e tabacco all'interno dell'Azienda Ospedaliera. Per chi intende liberarsi dalle dipendenze è attivo un counseling motivazionale con il supporto del personale della Medicina del lavoro. Un questionario somministrato ai professionisti durante la visita di sorveglianza sanitaria, consentirà di individuare i soggetti a rischio dipendenza indirizzandoli all'ambulatorio dedicato. Sono state inoltre attivati un numero di telefono e un indirizzo mail dedicati alla segnalazione di iniziative in corso, alla richiesta di informazioni e alla raccolta di suggerimenti.

Lo Iom regala 10 televisori

Gazzetta - Sito Web

Lo Iom regala 10 televisori ai pazienti ricoverati in OncologiaI dieci Samsung Led 32 pollici sono stati posizionati nelle otto stanze di degenza e nelle due sale per la chemioterapia nell'ambito del progetto "Umanizzazione"

 

 

MANTOVA. Nuovi televisori grazie allo Iom nelle stanze dell'Oncologia del Poma e nelle sale per la chemioterapia. Nel quadro delle iniziative condivise con la direzione dell’azienda ospedaliera Carlo Poma per l’incremento del progetto "Umanizzazione delle degenze", lo Iom (Istituto Oncologico Mantovano) ha donato alla struttura di Oncologia Medica ed Ematologia dieci televisori Samsung Led 32 pollici che sono stati posizionati  nelle otto stanze di degenza e nelle due sale dedicate alla chemioterapia in regime di macroattività ambulatoriale complessa. L’obiettivo è quello di migliorare, unitamente ad altri specifici interventi, la qualità di vita dei pazienti oncologici durante la permanenza in ospedale. La donazione è stata apprezzata molto dai pazienti, dai familiari e dal personale.

Informazioni aggiuntive