Allergie da chemio, borsa di studio Iom

  • Print

Allergie da chemio, borsa di studio Iom

 

Uno specialista in allergologia e immunologia clinica collaborerà con i professionisti del Poma per il trattamento delle reazioni avverse a farmaci chemioterapici. Il progetto è sostenuto da Iom (Istituto Oncologico Mantovano), che in questi anni è già intervenuto più volte sul fronte dell'integrazione delle figure professionali dei reparti ospedalieri, attraverso contratti con 8 medici tra oncologi ed ematologi, quattro psicologhe e una biologa. L'incarico di cui il nuovo medico sarà titolare avrà la durata di un anno, con un costo di 12mila euro per Iom. Il progetto in questione è stato redatto dal direttore della struttura Centro DH Allergologia ed Immunologia Clinica, Maria Teresa Costantino e dal direttore del reparto di Oncologia, Maurizio Cantore con lo scopo di potenziare la ricerca di schemi di desensibilizzazione rapida che insieme ad una adeguata premedicazione permettano la creazione di una temporanea tolleranza alla somministrazione di chemioterapici a pazienti diversamente non trattabili; ciò consentirà di implementare l'attività sopra descritta con notevoli risultati a favore dei pazienti oncologici. L'incidenza di sensibilizzazione a farmaci antineoplastici è infatti aumentata a causa del sempre maggior numero di pazienti esposti a cicli ripetuti di chemioterapia. La sostituzione con un chemioterapico alternativo a quello che ha provocato reazione allergica non è sempre possibile, in quanto dipende dalla sensibilità della neoplasia al farmaco. In questi casi l'attuazione di schemi di desensibilizzazione rapida (generalmente 8-12 step) permette di proseguire il trattamento mediante l'induzione di una temporanea tolleranza.

 

 

Dalla Gazzetta di Mantova del 18 Novembre 2015