PROGRAMMA CORSO PRATICO DI NURTURING TOUCH PER LA RELAZIONE CON PERSONE IN CONDIZIONE DI MALATTIA AVANZATA E TERMINALE

  • Print

PROGRAMMA CORSO PRATICO DI NURTURING TOUCH PER LA RELAZIONE CON PERSONE IN CONDIZIONE DI MALATTIA AVANZATA E TERMINALE

"Oltre le parole una …carezza per l’anima"

L’approccio alla persona malata  - nel corpo e nell’anima mediante il Nurturing Touch

RESPONSABILE SCIENTIFICO E RELATORE:

MARINELLA CELLAI BAILONE – ESPERTA DEL METODO DI NURTURING TOUCH

IL CORSO E’ RIVOLTO AL PERSONALE DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI CURE PALLIATIVE ASST DI MANTOVA E DELLA FONDAZIONE MAZZALI

ED E’ REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELL’ISTITUTO ONCOLOGICO MANTOVANO E DELLA FONDAZIONE MAZZALI

Data  11- 12  NOVEMBRE                                                                               PARTECIPANTI: 20

INTRODUZIONE

Forse non ci abbiamo mai riflettuto ma per molti di noi la via del corpo è preferenziale per dare voce alle nostre emozioni, alla nostra sofferenza e a tutto ciò che non saprebbe emergere attraverso altri linguaggi. Nella vita della persona malata il corpo assume un ruolo diverso. Quel corpo, spesso curato per anni con attenzione e amore, diventa di colpo ostile, sfugge ad ogni controllo, fa soffrire. Ma è comunque pur sempre un corpo che ha bisogno di essere toccato, accarezzato, abbracciato, al di là del decadimento e delle deformazioni causate dalla malattia.

Un lieve contatto, una carezza, fanno sentire alla persona ammalata che essa è ancora degna di rispetto, che continua ad esistere come persona, che è un soggetto di incontro e non solo un oggetto di cura .

Quando la persona si trova nella fase finale della sua vita,  nell’anzianità avanzata o comunque in una situazione di fragilità dovuta a patologia grave tende a “chiudersi”, la comunicazione è sempre più difficile e la solitudine esistenziale diviene la sua inseparabile ed assidua compagna.

Subentrano anche difficoltà oggettive quali il dolore, lo stato confusionale, l‘espressione verbale talora molto faticosa, e difficoltà soggettive quali emozioni inespresse, rabbia, frustrazione, solitudine, disperazione, paura. Ecco allora che attraverso il con-tatto affettivo e il massaggio si può “gettare un ponte”, superare la barriera dell’isolamento ed entrare in una comunicazione, anche intima, con lei. Ciò le permette da un lato di esprimere e condividere  le sue paure, le sue angosce, i suoi interrogativi, dall’altro di percepire il miglioramento fisico ottenuto grazie al massaggio, ed infine di sentire che qualcuno sta “prendendosi cura” di lei nella sua interezza di soma e  psiche, di essere umano unico e irripetibile.

Il Nurturing Touch è il “tocco che nutre”, il massaggio che offre momenti di pace, quiete, serenità e amore. Una modalità basata sul contatto attraverso il massaggio, che consente, anche quando le parole non sono più utilizzabili,  di entrare in comunicazione con l’altro, di superare le barriere della paura e dell’isolamento, di offrire momenti di vero sollievo ai malati ed anche ai loro familiari.

Attraverso il Nurturing Touch si riesce ad assicurare una “presenza vera” accanto a chi  percorre il suo ultimo tratto di vita e a chi si trova nella “grande anzianità”,  condividendo la sua solitudine interiore: una condivisione che implica  l’essere capaci  di guardare “dentro” l’essere umano e di comunicare attraverso  l’espressione di piccoli gesti che manifestano tenerezza e  solidarietà; piccole “sorgenti luminose” che danno luce e senso all’esperienza dell’accudimento e dell’accompagnamento.

OBIETTIVO DEL CORSO:

Il corso si propone migliorare la qualità degli aspetti relazionali che caratterizzano il lavoro svolto dai partecipanti nella loro attività di cura delle persone in condizione di malattia avanzata o terminale.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

11 Novembre

14.00   Registrazione partecipanti

14.15 Presentazione del metodo. Cosa è l’Aptonomia e cosa è il Nurturing Touch, come si integrano, caratteristiche principali, significato, filosofia, regole della pratica. Attiviamo i sensi .

15.00 Preparazione: esercizi di respirazione, body scan in piedi, rilassamento guidato, visualizzazione.

15.45 Condivisione

16.00  Pausa

16.10 Rompiamo il ghiaccio. La chiocciola

16.25 Massaggio a spalle, collo e testa, dimostrazione e 2 turni pratica

17.15 - Massaggio al viso, dimostrazione e 2 turni pratica

17.45   Condivisione

12 Novembre

9.00 Accoglienza, respirazione, body scan sdraiati, rilassamento ringraziamento al corpo, visualizzazione;  Meditazione “cuore a cuore”  e condivisione a coppie.

10.30 Pausa

10.40   Massaggio ai piedi , dimostrazione e 2 turni pratica; massaggio alla pancia, dimostrazione e 2 turni pratica; massaggio al braccio e alla mano, dimostrazione e 2 turni pratica,

12.20  Dimostrazione del premassaggio al paziente allettato

12.40 Condivisione a coppie

13.00 Pausa pranzo

14.00  Massaggio a paziente allettato; primo e secondo turno

15.40 accompagnamento del morente

16.30 Condivisione finale

17.30  test di verifica

18.00 chiusura dei lavori

METODOLOGIA                     Lezioni frontali ed esercitazioni

IL CORSO E’ RIVOLTO AL PERSONALE DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI CURE PALLIATIVE ASST DI MANTOVA E DELLA FONDAZIONE MAZZALI ED E’ REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELL’ISTITUTO ONCOLOGICO MANTOVANO E DELLA FONDAZIONE MAZZALI