Iom, primi 30 anni e un nuovo progetto: un centro d’ascolto

  • Print

Dalla Gazzetta di Mantova del 27 Aprile 2019

 

L’ assemblea

Iom, primi 30 anni e un nuovo progetto: un centro d’ascolto

 

Approvazione del bilancio e del nuovo statuto, organizzazione delle attività in occasione dei 30 anni e una novità: l’obiettivo dell’attivazione di un centro di ascolto.Sono stati i punti principali che hanno caratterizzato l’assemblea dei soci dell’Istituto oncologico mantovano che si è svolta nei giorni scorsi.Il presidente Attilio Anserini ha ringraziato tutti i volontari e i collaboratori che con la loro missione quotidiana si impegnano per il raggiungimento di finalitàciviche, solidaristiche e di utilità sociale nel campo dell’assistenza socio-sanitaria a favore di malati di tumore,pazienti oncologici e pazienti terminali.«Grazie alle consistenti donazioni che arrivano da famiglie e privati, lasciti testamentari e 5 per mille, la nostra associazione è riuscita a soddisfare tutte le richieste arrivate dai vari dipartimenti interni alla struttura Asst Carlo Poma, destinando consistenti fondi per l’acquisto di macchinari,attrezzature e altre strumentazioni,donati e messi a disposizione dei reparti di cura, di degenza e di diagnostica». Questo è l’anno delle 30 candeline per l’associazione.«Le manifestazioni e le iniziative del cerimoniale saranno spalmate per tutto il 2019, trovando spazio anche all’interno di Festivaletteratura. Tanta è ancora la voglia di fare e guardare avanti».Durante l’assemblea si è parlato di una nuova iniziativa: l’attivazione di un Centro di ascolto in supporto a chi ha bisogno di aiuto e sostegno, e per rispondere alle tante esigenze di conferme e informazioni che in determinati momenti si rendono importanti per pazienti e familiari.Il direttivo sottolinea infine che lo Iom è stata la prima associazione mantovana ad approvare lo statuto come vuole la legge di riformadel terzo settore. Un traguardo reso possibile grazie ad un lavoro concertato con Csv Mantova. Il consigliere Luciano Lanza ha messo in evidenza il grande risultato raggiunto, che permette alla onlus di trovarsi in regola con i dispositivi di legge.