Lo Iom compie 30 anni Venerdì primo brindisi

Lo Iom compie 30 anni Venerdì primo brindisi

Lo Iom, Istituto oncologico mantovano, festeggia trent’anni di attività. “30 anni di accoglienza, ascolto, accompagnamento” è il cartellone che raccoglie un fitto programma di appuntamenti, tra mostre, concerti, conversazioni e convegni, per condividere l’esperienza con la città e farla ancora crescere. Primo appuntamento venerdì, alle 21, in via Oberdan 16, uno spazio adibito per l’occasione, dove sarà annunciato il calendario degli eventi. Sarà il presidente, Attilio Anserini, a illustrare le proposte che si concluderanno con un primo brindisi allo Iom. «È un traguardo molto importante per un sodalizio come il nostro che, con un numero sempre crescente di volontarie e volontari, si approccia ogni giorno con la sofferenza dei malati e dei loro cari, cercando di portare aiuto e conforto con un sorriso ai pazienti di Oncologia e di Cure Palliative dell’ospedale “Carlo Poma” di Mantova» dice il presidente Attilio Anserini.

Il 4 settembre, in occasione di Festivaletteratura, lo spazio di via Oberdan si animerà ogni giorno. Dal 4 all’8 settembre si potrà visitare la mostra “I fili rossi. Una collana di storie cucite con amore”, che sarà inaugurata mercoledì 4 settembre alle 18, con la presenza di Matilde Cesaro. Il trentennale dello Iom sarà poi celebrato con il convegno “Il Tempo delle Storie”, sabato 26 ottobre nell’Auditorium Monteverdi del conservatorio “Lucio Campiani”. —

 

Additional information