CONCERTO DI NATALE IN HOSPICE

CONCERTO DI NATALE IN HOSPICE

Il 10 dicembre il reparto di degenza delle Cure Palliative dell'ospedale di Mantova ha ospitato il concerto di Natale degli allievi di canto del prof. Salvatore Ragonese, accompagnati al pianoforte dal prof. Saverio Martinelli.
L'evento è stato realizzato grazie alla collaborazione dell'Istituto Oncologico Mantovano - IOM Onlus e del Conservatorio 'Lucio Campiani' di Mantova con il supporto del Direttore Maestro Salvatore Spanò.

 

 

 

 

Lo IOM è TESTIMONIAL

Calze, giovani creativi e solidarietà

ABOUT SRL​, giovane azienda artigiana italiana di calzetteria maschile, proprietaria del marchio ABOUT SOCKS con sede in provincia di Mantova, promuove un concorso destinato a giovani creativi ​ ​e designer dell’Accademia Belle Arti di Bologna. Il concorso nasce con lo scopo di dare visibilità e future opportunità di lavoro ai giovani designer, aiutare la ricerca sul Cancro per la cura dei pazienti e crescere in collaborazione con la start up About Socks. Sono invitati a partecipare al concorso, tutti gli studenti dell’Accademia, designer, artisti e creativi compresi fra i 18 e 35 anni.  Le opere vincitrici saranno prodotte all’interno della ​Linea About Solidal​ con lo scopo di realizzare opere di valore comune, il prezzo di questa linea sarà determinato,dai costi del prodotto diretti e indiretti, copertura di ricerca di About srl. Una parte del ricavato della vendita (al netto dei costi di cui sopra), sarà devoluto in percentuale (10%) all’Istituto Oncologico Mantovano IOM Mantova, testimonial del concorso e il resto ad About srl.

la società About srl potrà spontaneamente e senza obbligo integrare l’importo sopra descritto.

 

Modalità di partecipazione

I Concorrenti dovranno presentare idee per nuovi disegni e pattern per calze da uomo, presentando 5 disegni o pattern in formato bmp.  Le tecniche espressive privilegiate saranno quelle che daranno maggior spazio al colore, alla fantasia, all’eleganza e alla reinterpretazione dei classici della moda maschile nell’ottica di Slow Wear.  ABOUT srl, lascerà  massima libertà espressiva ai partecipanti , riservandosi di selezionare i disegni o le fantasie ritenute migliori, si riserverà di  selezionare anche solo un disegno per artista o tutte le 5 proposte.

 

Per partecipare è sufficiente inviare una mail a This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. ​ ​entro le ore 12.00 del giorno 15 Marzo 2019. ​A tal fine, si precisa che faranno fede la data e l’ora di arrivo della mail contenente gli allegati con la seguente documentazione: modulo di partecipazione al concorso, completo dei dati anagrafici, firmato come segno di integrale accettazione del regolamento e di cessione completa dei diritti di utilizzo dell’opera e del nome dell’artista. Breve relazione sulle caratteristiche dell’opera. Tutte le opere  pervenute saranno trattenute dall’azienda con il consenso dell’artista, allo scopo di utilizzarle in una fase successiva.  I disegni e le fantasie selezionate, in seguito potranno essere modificate per adeguarle alle produzione (dimensioni, colori, disegni, in conformità ai vincoli tecnici e alle possibilità produttive, in accordo con gli artisti vincitori. L’azienda premierà  un'opera di un’artista.

Il giudizio della Commissione è insindacabile,la giuria,sceglierà le opere secondo i criteri di aderenza al moodboard fornito, le soluzioni estetiche,  caratteristiche funzionali-tecniche,  più consone al fini della commercializzazione​.  Tutte le calze dovranno essere progettate con​        filato Filoscozia.

Regolamento

I partecipanti al concorso si assumono ogni responsabilità in merito alla paternità e all’originalità dei bozzetti presentati e si impegnano a manlevare i promotori del Concorso da qualsiasi azione, richiesta giudiziale e stragiudiziale intrapresa da terzi nei confronti degli stessi in ragione dei disegni prodotti. Gli enti organizzatori sono automaticamente manlevati da ogni azione di responsabilità da parte dei partecipanti. Con l’atto di partecipazione il designer rinuncia a qualsiasi azione legale diretta o indiretta. I partecipanti inoltre si impegnano a realizzare le opere in esclusiva con una dichiarazione di unicità per About srl, che non saranno più replicabili.

Fatta salva la proprietà intellettuale dei diversi progetti che resta in capo agli autori, con la partecipazione al concorso gli artisti acconsentono alla riproduzione e diffusione fotografica e video del proprio progetto ai fini della comunicazione e promozione e all’esposizione in Italia e all’estero, senza averne nulla a pretendere.

Premio

Realizzazione delle calze con la fantasia vincitrice, creazione di una pagina dedicata all’artista o agli artisti con foto, descrizione ed eventuale link scelto dal vincitore (sito, blog, Facebook o Linkedin) sul sito About Socks.  ​La premiazione sarà organizzata con un evento in luogo e data da destinarsi allo scopo di  valorizzare le opere degli artisti e del prodotto About Socks​    ​. Gli enti potranno organizzare una serata conclusiva per far conoscere gli artisti vincitori e diffondere il valore solidale.

L’esito del concorso sarà reso noto entro 7 giorni dal termine dei lavori della commissione attraverso la pubblicazione della graduatoria sul sito Internet ​www.ababo.it​ alla pagina dedicata. ​Ai fini della promozione degli artisti, le pagine web dedicate ai prodotti, riporteranno foto, biografia/descrizione dell’artista e link al sito web dell’artista.

 

La ditta Filmar spa metterà a disposizione gratuitamente il filato per produrre 100 calze del vincitore. Le calze vincitrici saranno ospitate gratuitamente da Filmar spa presso lo stand di Pitti 2019 e presso altre fiere e workshop internazionali . Filmar spa ospiterà il vincitore a Pitti con un biglietto e regalerà una confezione di semi di cotone.

Associazione culturale marketing nelle PMI metterà a disposizione 300€ per i vincitori come premio studio.

I vincitori potranno tenere tutto il premio per sé o potranno devolvere una parte ad un'associazione a loro scelta.

 

Info e contatti:

About Socks ​www.aboutsocks.it

Accademia Belle Arti di Bologna ​www.ababo.it

Istituto Oncologico Mantovano Onlus www.iom.it

Filmar spa https://www.filmar.it/it/

Associazione culturale Marketing nelle PMI http://www.marketing-pmi.it/


MODULO DI ADESIONE

 

Calze, giovani creativi e solidarietà​

 

Il/la

sottoscritto/a……………………………………………………………………………………….nato/a……………………………………………………… …………………………….

 

il……………………………………  Residente/domiciliato/a…………………………………………………….

Via…………………………………………………n……………….....

 

cap……………………………………..tel…………………………..cell……………………………………………Email(maiuscolo)……………………… …………………….……………

 

 

Dichiara:

1)       di essere attualmente iscritto al Corso di …………………………………………………………

2)       di avere preso visione del regolamento allegato alla presente domanda e di accettare tutte le condizioni in esso contenute;

3)       di accettare, in particolare, che l’opera realizzata sarà di esclusiva proprietà esclusiva di About srl che la potrà promuovere,utilizzare e commercializzare a propria discrezione;

4)       di autorizzare il trattamento dei propri dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003. 5) allega bozzetti

 

Letto, approvato e sottoscritto

 

Luogo e data                                                                                                                                                                  firma……………………………...........................

La lotta contro i tumori Al Poma arriva l’Ebus

dalla Gazzetta di Mantova del 10 giugno 2018  articolo di Maria Antonietta Filippini

Lo Iom ha donato il macchinario di ultima generazione da 140mila euro

Il primario Ravenna: ora siamo all’avanguardia, diagnosi più precise sui polmoni

 

Un grande passo avanti per la lotta contro i tumori al polmone al Carlo Poma grazie all’Ebus,un macchinario di ultima generazione che pone l’ospedale di Mantova all’avanguardia al pari di Brescia e Bologna,ospedali dove finora alcuni pazienti mantovani erano costretti ad emigrare. L’Ebus, del valore di circa 140mila euro, è stato donato alla Pneumologia dallo Iom,l’istituto oncologico mantovano.«Come sempre - spiegano il presidente Attilio Anserini e il vice Adelelmo Spagna - il nostro obiettivo, attraverso le donazioni e i volontari, è di far stare meglio i malati, individuando che cosa serve di più.Qui si migliora la cura, con i caschi per la chemioterapia,ad esempio, si evita la perdita dei capelli e soprattutto per le donne è molto importante» . A spiegare la grande utilità dell’Ebus è il primario di Pneumologia, Franco Ravenna.«L’Ebus entra nelle vie respiratorie come il broncoscopio,ma in più il braccio mobile è dotato di una piccola telecamera che, puntata sulla parete della trachea, permette divedere all’interno dei polmoni e di prelevare il tessuto che serve per gli esami istologici».Finora, continua il primario Ravenna, si doveva ricorrere alla Tac e poi con una serie di calcoli avvicinarci al linfonodo,ma la precisione che si raggiunge vedendo direttament esul monitor è nettamente maggiore. «Ora il Poma in questo campo è all’avanguardia» assicura e non ci sarà più bisogno di emigrare per gli esami in altre città o addirittura di dover essere operati con l’apertura del torace.Il tumore al polmone, come si sa, è molto subdolo, avanza senza dare sintomi. «Sulla prevenzione- continua Ravenna- ci sono studi in corso, ma il consiglio è smettere di fumare a qualunque età e convincerei ragazzi a non cominciare».Le cure però sono molto più efficaci. «Ci sono farmaci costosi ma utilissimi, però la cura va personalizzata e molto mirata. Un farmaco funziona su un tumore del polmone e non su un altro e viceversa.Per questo è fondamentale eseguire molti tipi di esami sui tessuti prelevati. Arrivando al linfonodo con l’Ebus possiamo prelevare materiale sufficiente e idoneo per la diagnosi,con più garanzie di quello prelevato dopo la Tac».Naturalmente, osserva Ravenna,si tratta di un lavoro di squadra, fra pneumologia,chirurgia toracica, anatomia patologica, oncologia. Il primo intervento è già stato programmato.


Lo Iom a caccia di volontari Iscrizioni entro fine luglio

dalla gazzetta di Mantova del 6 giugno 2018

 

Prorogato il termine per le domande.

Il corso di formazione partirà il 18 settembre e prevede un tirocinio per Oncologia e Cure Palliative

È stato prorogato al 31 luglio il termine di iscrizione per il corso volontari organizzato dall’Istituto Oncologico Mantovano(Iom Onlus) che partirà il 18 settembre.Si tratta di una formazione base per nuove leve (età minima 18 anni) da inserire nei servizi di accoglienza, accompagnamento e ascolto dei pazienti e loro famigliari del day hospital e del reparto di degenza della struttura complessa di Oncologia e della struttura Cure Palliative.Il corso formativo,in linea di massima,si articolerà su dodici incontri che si terranno nelle giornatedi martedì e giovedì dalle 18 alle 20, secondo il programma che sarà pubblicato sul sito www.iomn.it (sezione‘Notizie’).L’ammissione al corso è subordinata all’esito di un colloquio individuale, finalizzato a verificare motivazioni, attitudini,aspettative e disponibilità temporale dell’aspirante volontario che dovrà proporsi con continuità nel servizio assegnato.Al termine seguirà un tirocinio di almeno venti ore di servizio nei reparti, con l’affiancamento di un volontario esperto per la verifica delle reali attitudini dell’aspirante.Chi avrà concluso positivamente il corso e il tirocinio riceverà un attestato comprovante il training di formazione,cui seguirà l’immissione in servizio. Le domande vannopresentate utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal sito Iom (www.iomn.it, sezione‘Modulistica’) da inviare compilato via fax al numero 0376-223502. Il modulo può anche essere ritirato nella sede dell’istituto oncologico mantovano(palazzina 25 A, all’ospedale Carlo Poma,orario d’apertura dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.30).Lo Iom di Mantova presieduto da AttilioAnserini è sorto oltre vent’annifa con la finalità di essere a fianco dei pazienti oncologici per migliorare la loro qualità di vita, sia attraverso l’accoglienza nei luoghi di cura, sia attraverso l’accompagnamento relazionale e l’ascolto durante i percorsi terapeutici, avvalendosi di volontari appositamente formati, nonché di medici incaricati, con borse di studio, da affiancare all’organico ospedaliero nella ricerca e cura.

Al Poma è arrivato l’ecografo di precisione contro i tumori al seno

Dalla Gazzetta di Mantova del 27 luglio 2018

Al Poma è arrivato l’ecografo di precisione contro i tumori al seno

Lo strumento ad alta definizione abbatte gli errori di lettura

In aumento i nuovi casi, ma più donne fanno lo screening

Da sinistra Anserini, Carra, Spagna, Gerola e Barai mostrano il nuovo ecografo

 

Ennesima donazione dell’Istituto oncologico mantovano all’ospedale Carlo Poma. Per completare la strumentazionedel centro mammografico ed elevarne tecnologicamente la già notevole capacità diagnostica è arrivata una piattaforma ecografica di nuova generazione del valore di 80 mila euro .Ufficialmente consegnatadal presidente dello Iom, AttilioAnserini e dal vice AdelelmoSpagna nei giorni scorsi,è già in funzione in sostituzionedi un modello usurato e superato.«Continua la decennale collaborazione con lo Iom – ha fatto gli onori di casa Anna Gerola, direttore amministrativodell’Asst – cheringraziamo per questa iniziativa importantissima. Il nuovo ecografo consentirà al centro mammografico di confermarsi come un reparto all’avanguardia nella cura delle malattie oncologiche».Oggi ha in dotazione 3 mammografie 2 ecografi di alta gamma. Ma quali sono le caratteristiche tecniche della nuova apparecchiatura? «La mammella è un organo difficile da esaminare – osserva Giampietro Barai, direttore della struttura complessa di fisica sanitaria – con questo strumento ad alta definizione l’immagine è più nitida». Ed abbatte l’errore di lettura tra il 5 e 15% permettendo un’individuazione ancora più precoce della lesione tumorale.«L’apparecchio sarà ampiamente utilizzato – il commento di Susanna Carra, responsabile del centro mammografico del Poma, riferimento per l’intera provincia, 11 mila esami l’anno scorso – e porterà aspetti positivi sull’attività di tutto il pool di professionisti».È il team di specialisti dal radiologo al patologo, dal chirurgo al radioterapista che si prende cura del paziente oncologico.E purtroppo un primo bilancio per il 2018 vede un possibile incremento della comparsa di tumore al seno: se nel 2017 ne vennero individuati 200 nuovi casi, dopo 3mesi la cifra è già di 107. Mal’aumento, è bene sottolinearlo,è da mettere in relazione all’incremento di esami da parte di donne residenti in tutta la provincia di Mantova.«La battaglia contro il cancro non può prescindere dalla diagnosi precoce – sottolineala dottoressa Carra – perciò invito a sottoporsi agli screening programmati dai 45 ai 74 anni». Ancora molte donne invece per trascuratezza,paura o indolenza non danno seguito agli inviti spediti a casa di controllo mammografico gratuito. Un’accortezza invece che può salvare la vita.

—VINCENZO DALAI

 


Additional information