Vivere bene per vivere più a lungo grazie allo Iom

dalla Voce di Mantova del 30 gennaio 2020

Riconoscimento da parte dalla Regione

Vivere bene per vivere più a lungo grazie allo Iom

Un riconoscimento che suggella le iniziative per il trentennale di attività. È il premio #mai soli conseguito daIOM - Istituto Oncologico Mantovano.

Il riconoscimento, giunto alla terza edizione e riservato dalla Regione Lombardia alle associazioni di volontariato che operano in ambito sanitario e sociosanitario, giunge per la prima volta a Mantova.
Nei suoi primi trent’anni di vita, l’associazione ha visto l’adesione di circa 350 volontari, tutti assoldati dopo aver superato un corso di preparazione e formazione a cura di Iom stessa.
Oggi l’associazione conta 85 volontari di cui 65 quotidianamente presenti, a turni, nei reparti di Oncologia e Cure Palliative del Poma.
Quest’anno se ne aggiungeranno altri dodici, tra cui due giovani di 19 e 21 anni.
“Le iniziative per il trentennale si concluderanno il 7 febbraio alle ore 17 nella sala degli Stemmi quando verrà presentato il libro ‘Il tempo e i tempi della memoria’ che racconta la nostra attività, dando voce ai volontari e ai pazienti che abbiamo incontrato”, ha dichiarato Attilio Anserini, presidente dello Iom.
In occasione della ricorrenza, l’associazione ha lanciato anche il Progetto Benessere all’interno della propria sede nell’ospedale mantovano che prevede il rilancio del Laboratorio di estetica oltre alla creazione di due nuovi servizi: un Centro di ascolto e i Gruppi di auto aiuto.
“L’apporto dei volontari è fondamentale per questo anche noi supportiamo l’associazione nel percorso di inserimento e di formazione continua dei candidati”, ha detto Raffaello Stradoni, direttore dell’Asst Mantova “il loro supporto è ancora più prioritario nei casi dei bambini. Tutti i pazienti se vivono bene vivono più a lungo”.

Tiziana Pikler

Regione Lombardia premia l'Istituto oncologico mantovano

Dalla Gazzetta di Mantova del 29 gennaio 2020

All'associazione di volontariato il riconoscimento nell'ambito del concorso #MaiSoli. I progetti per il 2020: un centro d'ascolto e gruppi di auto aiuto per affrontare gli eventi più dolorosi. I trent'anni di esperienza riassunti in un libro curato da Paola Aleotti  che verrà presentato il 7 febbraio alla sala degli Stemmi

MANTOVA. L'Istituto oncologico mantovano (Iom) si è aggiudicato il premio #MaiSoli, riservato da Regione Lombardia alle associazioni di volontariato che operano in ambito sanitario e sociosanitario. L’iniziativa, arrivata alla terza edizione, vuole confermare il ruolo fondamentale del volontariato all’interno del sistema sociosanitario Lombardo. Il riconoscimento è arrivato nel corso di una cerimonia che si è svolta a Milano.

L'Istituto  presta ogni giorno la propria attività nei reparti ospedalieri di oncologia e di cure palliative e ha festeggiato nel 2019 il suo 30esimo anniversario. Questa lunga esperienza è stata raccontata in un libro, dal titolo "Il tempo e i tempi della memoria" a cura di Paola Aleotti. Il volume sarà presentato il 7 febbraio alle 17, nella Sala degli Stemmi. In quell’occasione verranno anche premiati i volontari con maggiore ‘anzianità’ all’interno dell’associazione.

Con il 2020, l’associazione lancia il Progetto Benessere all’interno della propria sede, all’ospedale Poma di Mantova. L’iniziativa prevede il rilancio del Laboratorio estetico, dedicato alle pazienti che si sottopongono a cure oncologiche e alla creazione di due nuovi servizi: un Centro d’ascolto e  dei Gruppi di auto aiuto. L’obiettivo è il miglioramento della qualità globale dei processi di assistenza, l’ascolto dei vissuti emotivi di coloro che accompagnano i malati (volontari, familiari), l’elaborazione del lutto e delle perdite, l’accompagnamento nelle fasi più difficili del percorso di malattia.

L’entrata in vigore della nuova normativa riguardante gli enti del terzo settore - decreto legislativo 117/2017 - pone una serie di interrogativi sul futuro delle associazioni di volontariato. In particolare la forza innovativa della normativa, i cambiamenti in atto nella società civile trasformano per la prima volta, il volontariato da categoria solo sociale a categoria civile e giuridica. Se da un lato ciò testimonia il riconoscimento, da parte dello Stato, del valore che questa realtà ha dato allo sviluppo del Paese, nel contempo impegna le associazioni e quindi anche Iom, in accordo con gli enti pubblici, ad affrontare con strumenti nuovi le complessità e le sfide future.

La legge concorrenza n. 124/2017

La legge concorrenza n. 124/2017 ha introdotto specifici obblighi di pubblicità e trasparenza a carico di una platea di soggetti, tra cui gli enti non profit. Tra questi obblighi è prevista la pubblicizzazione dei vantaggi  ricevuti dalle pubbliche  amministrazioni di qualsiasi genere essi siano allorquando la somma di tali  vantaggi superi    l’importo di € 10.000,00.

In ossequio a tale obbligo l’Istituto Oncologico Mantovano comunica quanto segue:

Denominazione e codice fiscale dell’ente ricevente:

ISTITUTO ONCOLOGICO MANTOVANO (IOM – ODV)  c.f.  93011230203

  • Denominazione del soggetto erogante: AGENZIA delle ENTRATE
  • Importo: € 56.978,78
  • Data di incasso: 07/08/2019
  • Causale:  5 X Mille

È scomparso Voltolini, decano dei volontari dell’istituto oncologico

dalla Gazzetta di Mantova del 21 Novembre 2019

MANTOVA.

L’Asst di Mantova e in particolare i professionisti dei reparti di Oncologia e Cure Palliative piangono la scomparsa di Giuseppe Voltolini, storico volontario dello Iom(Istituto Oncologico Mantovano) deceduto nei giorni scorsi all’età di 82 anni. Voltolini è stato il primo volontario a seguire il corso di formazione di Iom nel 1989, quando la struttura di Oncologia muoveva i primi passi. Ha rappresentato un punto di riferimento per i volontari, che accompagnava nel periodo di tirocinio e che supportava anche dal punto di vista organizzativo con la predisposizione dei turni mensili.

I professionisti del reparto lo ricordano così: «Nessun dovere è così urgente come quello di ringraziare chi ci ha aiutato.

Ci hai regalato giornate di sole quando intorno era solo buio e grigio. Sei stato un amico nostro, un amico dei malati, un amico dei mantovani. Grazie di cuore, non ti dimenticheremo mai. I tuoi amici di Oncologia». I volontari di Iom hanno partecipato commossi al funerale celebrato lunedì salutando l’amico con parole struggenti: «Sempre in prima linea non gli apparteneva il protagonismo al quale anteponeva l’impegno umile, ma tenace a favore delle persone che soffrono».


LA DONAZIONE

LA DONAZIONE

dalla Gazzetta di Mantova del 23 gennaio 2020

I televisori dello Iom in stanze stile Gauguin

Alla presentazione della nuova area di degenza senologica riflettori puntati anche sullo Iom,

l'Istituto oncologico mantovano presieduto da Attilio Anserini. Lo Iom ha dotato le stanze di televisori.

L'associazione ha inoltre donato di recente un'apparecchiatura per il lipofilling, tecnica per migliorare

i risultati estetici degli interventi chirurgici. La struttura di Senologia,che non trascura l'approccio

umanizzante alla malattia, ha puntato anche sull'arte e sulla bellezza mediante pannelli in fase di elaborazione

che avranno per protagoniste le donne dell'arte:

La ragazza con l'orecchino di perla di Jan Vermeeer, La dama con l'ermellino di Leonardo Da Vinci,

Le tre età della donna di Gustav Klimt e Due donne tahitiane di Paul Gauguin.

 

Additional information